Comprendere quali sono i segnali di Muladhara chakra in disequilibrio è essenziale per coltivare il nostro benessere più profondo, partendo dalle nostre radici interiori.

I chakra sono i sette centri energetici che si muovono attraverso il nostro corpo sottile, a partire dalla corona della testa e viaggiando fino alla base della colonna vertebrale. Quando è in equilibrio, ogni chakra permette all’energia di fluire attraverso il corpo. Tuttavia, se uno di questi centri energetici è bloccato, a risentirne è il nostro benessere psicofisico. Il primo chakra, Muladhara, o “chakra della radice”, agisce, appunto, come la radice del nostro corpo. Per questo se è in disequilibrio, tutto il nostro sistema energetico psicofisico subirà degli scompensi.

A tu per tu con Muladhara

La parola Muladhara deriva dal sanscrito, dove Mula significa radice e Adhara significa supporto o base. É associato al colore rosso e all’elemento della terra per la sua capacità di scavare e sentirsi saldamente radicati nella vita.
Non è un caso dunque che il primo chakra si trovi alla base della colonna vertebrale. Le parti del corpo ad esso associate sono il bacino, le gambe, le ginocchia, la spina dorsale, le ghiandole endocrine, l’apparato genitale e la vescica.

Proprio perché rappresenta la base in ogni sua forma, Muladhara è anche associato all’età della prima infanzia, al nostro legame con il materno e con le nostre figure di accudimento.
Fare luce con completa onestà sulle nostre radici e su ciò che abbiamo ricevuto dalle nostre figure di riferimento durante l’infanzia è il primo essenziale grande passo per ristabilire l’equilibrio tra ciò che ci è stato dato e ciò che ci è mancato. E di conseguenza comprendere come questi eccessi e queste mancanze si manifestano oggi nelle nostre relazioni significative.

Non a caso, questo centro energetico è strettamente connesso con il nostro senso di sicurezza, con le nostre relazioni familiari e con la nostra casa, in ogni sua forma e sfaccettatura. Quando l’energia fluisce attraverso il primo chakra, ci sentiamo saldamente radicati in noi stessi e questo ci permette di destreggiarci in modo sicuro e armonioso anche nel mondo intorno a noi.

Segnali di Muladhara chakra in disequilibrio

A livello fisico, quando il primo chakra è bloccato possiamo soffrire di sovrappeso e stipsi ed avvertire dolori nella parte bassa del nostro corpo, in particolare alle gambe e ai piedi. Altro sintomo di Muladhara bloccato sono gli incubi soventi, l’ansia, la paura, l’insicurezza ed una continua sensazione di disconnessione. Inevitabilmente tutto questo ci porta a sentirci sempre stanchi ed apatici.
Tuttavia anche un’eccessivo funzionamento del primo chakra porta con sé conseguenze poco piacevoli come per esempio rigidità mentale, eccessivo attaccamento ai soldi, paura del cambiamento, mancanza di fiducia ed ostilità, capace di sfociare anche in aggressività.

Attività per riequilibrare Muladhara

Muladhara è fortemente connesso al nostro rapporto con la Madre Terra e per ristabilire il suo equilibrio è necessario riconnettersi con essa.

I modi per farlo possono essere svariati, a seconda dei propri gusti e delle proprie esigenze. Tuttavia tre attività molto potenti per il benessere del nostro primo chakra possono essere le seguenti:

  • La camminata a piedi scalzi, che ci permette di ricaricarci direttamente attraverso la terra, a partire dalla radice del nostro corpo fisico
  • Praticare giardinaggio, che ci da la preziosa possibilità di toccare e fare esperienza sensoriale diretta della Madre Terra, della sua potenza e della sua straordinaria capacità di riprodursi e creare
  • Abbracciare un albero, per sentirci radicati e presenti, come parte integrante dell’Universo al quale apparteniamo, in armonia con tutte le altre specie viventi

Perché è importante riequilibrare Muladhara

Avere il primo chakra in equilibrio significa costruire la nostra casa. Quella più autentica e duratura, che ci accompagnerà per tutta la vita. Quella casa itinerante che ci seguirà ovunque andremo, perché sarà quella che porrà le sue basi e le sue radici nel luogo più bello e prezioso di tutti: dentro di noi.
Riportare in equilibrio Muladhara è necessario proprio per questo: per donarci una solida base dalla quale partire. Una base capace di donarci tutto l’amore, l’equilibrio e la fiducia necessari per immergerci con sicurezza nel mondo, nelle relazioni, nella profondità dei nostri mari interiori e in generale in quel Tutto di cui facciamo parte.
Muladhara in equilibrio, insomma, è come garantirsi sempre le vele spiegate e il vento in poppa. Il mare potrà spaventarci con le sue tempeste ma l’equilibrio di Muladhara ci consentirà sempre di contrastare e cavalcare sempre anche le onde più alte.

Se ti interessa approfondire questo argomento e lavorare attivamente sul tuo primo chakra, mandami una mail ad alessandra2cos@gmail.com per ricevere maggiori informazioni sui miei prossimi corsi.
Purtroppo l’evento di Marzo è sold out ma ti terrò volentieri informato sulle prossime date